La rivoluzione


La rivoluzione non è una cosa da fare. Piuttosto è un nuovo modo di essere.

Non è un vestito da comprare, una legge o un governo da cambiare, in un pomeriggio, in un certo posto.

‘Si è’ la rivoluzione, non ‘si fa’ la rivoluzione. Non è un giorno, o un’ora, in cui tutto cambia, solo per un momento. Non c’è una data per la rivoluzione, la rivoluzione è ogni giorno. Non dura un momento, dura per sempre.

Non è l’ordine costituito che cede il posto ad un nuovo ordine costituito. Non è in una nuova regola né in un nuovo ordine. E’ il contrario dell’ordine e della regola. E’ un comportamento. Un nuovo modo di vivere noi stessi, le nostre giornate. Scelte diverse. Pensiero sociale. Libertà espressiva. Partecipazione. Non è un avvicendamento politico. Precede e segue gli avvicendamenti. Anzi, li determina inesorabilmente.

Non è un’azione, ma un’attitudine. Non è oggi, o ieri, ma è da oggi in poi e da ieri in avanti.

Non succede fuori di noi. In una piazza, davanti a un Parlamento. Succede dentro. Non è un’idea, ma un modo di ragionare.

Non la fa qualcuno al posto di qualcun altro perché così ha deciso, ma tutti insieme perché così hanno sentito. La rivoluzione non è un impegno da prendere con la storia, ma con la quotidianità.

Non è complicata né faticosa, perché semplifica e alleggerisce. Il potere è impegnativo, la rivoluzione è semplice.

Non è il luogo dove ci portano le gambe, ma il modo in cui camminano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...