L’estasi


Mentre camminavo per via della Conciliazione, a Roma, la strada che porta a San Pietro, ho incrociato una suora sul marciapiede. La basilica era alle mie spalle. Lei l’aveva di fronte.

Giovanissima. Molto bella. Non doveva avere più di venticinque anni. Alta. Magra. So che può sembrare blasfemo per qualcuno, ma il suo abito affusolato e aderente, esaltava i lineamenti del suo corpo. I suoi capelli biondi, non volevano saperne di rimanere incastrati nel velo. Così uscivano ai lati, senza il suo consenso, come per prendere il sole. Credo fosse tedesca. O forse olandese, o svizzera.

Man mano che si avvicinava potevo vederla meglio. Aveva un sorriso stampato dolcemente sul viso che non alternava a nessun’altra espressione. Colmo di allegria e misto a beatitudine. Quasi estatico.

Camminava veloce, come se stesse andando da qualcuno. Credo non si sia neppure accorta che la guardavo così intensamente, nonostante stesse quasi per venirmi addosso.

– Che bella! -, mi sono detto.

Per un attimo ho sentito addosso la frustrazione di tutti gli uomini della terra.

A nessuno di loro era destinato quel sorriso.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...